La Tutela del segreto industriale e delle informazioni riservate

La Tutela del segreto industriale e delle informazioni riservate

Vi è una serie di informazioni che non possono essere oggetto di un brevetto o che per scelta del loro titolare non ne sono oggetto,  ma che  rappresentano, per chi le detiene, un valore economico e per i concorrenti un indubbio vantaggio, se le potessero conoscere.

Tali informazioni, a dispetto di quanto comunemente si ritiene, sono oggi esplicitamente tutelate dal nuovo codice della proprietà industriale.

L’art. 98 del suddetto codice, infatti, afferma che costituiscono oggetto di tutela “le informazioni aziendali e le esperienze tecnico-industriali, comprese quelle commerciali”.

Tale introduzione all’interno del codice della proprietà industriale tra i diritti c.d. non titolati anche del cosiddetto know how rappresenta un enorme passo avanti rispetto al passato. Il know how, infatti, può adesso essere tutelato alla stessa stregua di un marchio o di un brevetto, beneficiando così non più solo della tutela offerta dalle norme sulla concorrenza sleale.

L’abuso del segreto aziendale non è più, dunque, solamente un semplice fatto lesivo della lealtà della concorrenza ma è la lesione di un diritto, come tale sanzionabile erga omnes.

 Ma cosa si intende per informazioni aziendali ed esperienze tecnico-industriali?

Tra le informazioni tecniche vengono fatte rientrare in generale le informazioni brevettabili –ma non brevettate per scelta del titolare del dritto al brevetto- e quelle non brevettabili in quanto sprovviste dei requisiti per la brevettazione ( ad esempio, molte delle conoscenze richieste per produrre un bene, o per attuare/migliorare un processo produttivo od un prodotto).

Le informazioni aziendali, invece, per loro natura escluse dall’oggetto del brevetto, attengono all’organizzazione dell’impresa e possono avere natura finanziaria (quanto costa produrre quel bene, dove reperire la risorsa a minor prezzo); commerciale (elenco clienti, fornitori, modifiche in relazione alle richieste dei clienti, relazioni, studi interni, tabelle, schede); di marketing (informazioni strategiche che caratterizzano l’azienda rispetto ai concorrenti); o strategica (quando, con che modalità ed a che prezzo conviene concedere licenze per accedere ad un determinato mercato).

Ne discende che, a questa stregua, ben potranno trovare tutela: relazioni, comunicazioni anche interne, studi di settore, disegni, schede tecniche e quant’altro rappresenti un patrimonio di utilità aziendale.

Occorre, tuttavia, precisare che affinché tali informazioni siano proteggibili, è necessario che siano segrete, nel senso che “non siano nel loro insieme, o nella precisa configurazione e combinazione dei loro elementi, generalmente note o facilmente accessibili agli esperti ed agli operatori del settore”; che “abbiano valore economico in quanto segrete”; e che “siano sottoposte, da parte delle persone al cui legittimo controllo sono soggette, a misure adeguate a mantenerle segrete”.

Inoltre, non è necessario che le suddette informazioni siano singolarmente non note e non conosciute: è necessario, invece, che l’insieme organico di dette informazioni sia, in quanto tale, frutto di un’elaborazione propria dell’azienda, con la conseguenza di acquisire così un valore economico aggiuntivo rispetto ai singoli elementi che lo compongono.

Si pensi, ad esempio, ad una complessa strategia per lanciare un prodotto sul mercato: i singoli elementi che a compongono sono senz’altro note agli operatori del settore ma l’insieme può essere stato ideato in modo tale da rappresentare un qualcosa di nuovo ed originale, e come tale un vero e proprio hatù dal punto di vista concorrenziale per l’ideatore.

Il segreto, in altri termini, è, dunque, la leva attraverso cui proteggere i propri valori organizzativi e di avviamento che trovano, per l’appunto, nel segreto stesso il loro punto di forza. Ed ecco perché il know how per essere proteggibile non deve essere accessibile a tutti: se si diffonde si “volgarizza” e perde valore.

L’adozione delle misure più idonee a proteggerlo costituisce perciò il presupposto logico dell’abusività della sottrazione da parte di un terzo: non si abusa, infatti, se non di qualcosa sottoposto a misure per la sua salvaguardia.

Tali misure dovranno essere tanto rivolte verso “l’interno” che verso l’”esterno”, volendo con ciò riferirsi alle precauzioni da adottare tanto nei confronti dei propri dipendenti o collaboratori, quanto nei confronti dei terzi in generale (come ad esempio i fornitori).

 

Avv. Alessandra Fiumara

 

17 Febbraio 2020- Tutti i diritti riservati

19 Comments "La Tutela del segreto industriale e delle informazioni riservate"

  1. I’ve been surfing on-line more than three hours these days, yet I never discovered any interesting article like yours. It’s lovely worth sufficient for me. Personally, if all website owners and bloggers made good content as you probably did, the net can be much more useful than ever before.

  2. I’ve been absent for some time, but now I remember why I used to love this site. Thanks, I will try and check back more often. How frequently you update your website?

  3. I have recently started a web site, the info you offer on this site has helped me greatly. Thanks for all of your time & work. “Patriotism is often an arbitrary veneration of real estate above principles.” by George Jean Nathan.

  4. Nice post. I learn something new and challenging on sites I stumbleupon everyday.
    It will always be useful to read through content from other writers and use a little something from other websites.

  5. I do agree with all the ideas you have presented in your post. They’re really convincing and will certainly work. Still, the posts are too short for starters. Could you please extend them a little from next time? Thanks for the post.

  6. I am really impressed with your writing skills as well as with the layout on your weblog. Is this a paid theme or did you modify it yourself? Anyway keep up the nice quality writing, it’s rare to see a nice blog like this one these days..

  7. naturally like your web site however you have to check the spelling on quite a few of your posts. Many of them are rife with spelling issues and I find it very troublesome to inform the truth on the other hand I’ll definitely come again again.

  8. You really make it appear so easy along with your presentation but I find this topic to be actually something that I feel I might by no means understand. It kind of feels too complicated and extremely wide for me. I am looking ahead to your next put up, I will try to get the dangle of it!

  9. hello there and thank you for your information – I’ve definitely picked up anything new from right here. I did however expertise a few technical points using this web site, as I experienced to reload the web site many times previous to I could get it to load correctly. I had been wondering if your hosting is OK? Not that I am complaining, but slow loading instances times will often affect your placement in google and can damage your high quality score if advertising and marketing with Adwords. Well I’m adding this RSS to my e-mail and can look out for a lot more of your respective interesting content. Ensure that you update this again very soon..

  10. With havin so much content and articles do you ever run into any problems of plagorism or copyright infringement? My website has a lot of unique content I’ve either authored myself or outsourced but it looks like a lot of it is popping it up all over the internet without my authorization. Do you know any ways to help reduce content from being ripped off? I’d genuinely appreciate it.

  11. My brother recommended I might like this blog. He was once entirely
    right. This submit actually made my day. You cann’t consider simply how so much time I
    had spent for this information! Thank you!

  12. I don’t know if it’s just me or if everybody else encountering issues with your blog.
    It seems like some of the written text within your content are
    running off the screen. Can somebody else
    please provide feedback and let me know if this is happening to them as well?
    This might be a issue with my browser because I’ve had this happen before.
    Kudos

Leave a Reply

Your email address will not be published.